cerca

AstraZeneca

"Vaccini, abbiate fiducia nei medici e nelle istituzioni"

Vercelli: l'appello del dottor Sergio Macciò

Sergio Macciò

Sergio Macciò

Voglio tranquillizzare coloro che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca: non ci sono evidenze di pericolosità, il blocco di un lotto serve a tutela dei cittadini e dimostrano che medici e istituzioni lavorano con scrupolo e professionalità”.

Sergio Macciò, medico e segretario vercellese di Anaao Assomed, interviene a proposito di quanto accaduto nella giornata di domenica 14 marzo, quando la Regione ha annunciato la sospensione temporanea delle somministrazioni di AstraZeneca a seguito della morte di un docente biellese e poi, dopo aver individuato il lotto di vaccino che l’uomo aveva ricevuto, lo stop a quello specifico lotto per ulteriori accertamenti (leggi qui).

“Capisco che è difficile rimanere lucidi in queste circostanze, poiché sui vaccini c’è un’attenzione esasperata – commenta Macciò – Noi come medici di Anaao Assomed cerchiamo di metterci la faccia e stare in prima linea per portare serenità tra le persone. E i fatti sono questi: i dati non mostrano che i vaccini abbiano un profilo di pericolosità diverso da altri farmaci”. “L’estrema cautela – prosegue il medico – non va confusa per un segnale di pericolosità. Il blocco del lotto è una garanzia di protezione nei confronti della popolazione, e ad oggi i diversi blocchi temporanei di somministrazione dopo episodi sospetti non hanno poi stabilito una correlazione tra vaccino e decessi successivi”.

C’è poi anche, sottolinea Macciò, il precedente del Regno Unito “dove la maggior parte della popolazione è già stata vaccinata con AstraZeneca e la mortalità è identica a quella di prima. Diciamo che gli inglesi sono andati avanti per noi…”. L’appello finale è chiaro: “State tranquilli e non attaccatevi al singolo episodio, i dati parlano chiaro: abbiate fiducia nei medici e nelle istituzioni, perché queste notizie non devono creare panico, ma far capire che si sta lavorando con estremo scrupolo e attenzione alla salute delle persone”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500