cerca

Covid

Vercelli affronta la terza ondata: variante inglese al 40%

Canova e Stecco fanno il punto sulla situazione

Vercelli affronta la terza ondata: variante inglese al 40%

Nei primi giorni di marzo in provincia è stato registrato un incremento di ricoveri di pazienti Covid nelle strutture ospedaliere, tanto che l’Asl ha dovuto predisporre l’aumento di posti letto dedicati. Ma c’è anche una buona notizia: "Il reparto di Malattie Infettive diretto dal dottor Silvio Borrè sarà uno dei 18 centri nazionali ad utilizzare per primi gli anticorpi monoclonali di produzione italiana". L’annuncio arriva da Gualtiero Canova, direttore sanitario dell’azienda sanitaria vercellese.

"Siamo in piena terza ondata: l’aumento dei contagi è rilevante e l’andamento della curva è abbastanza ripido tanto che si pensa che possa diventare esponenziale. Per ora le terapie intensive sono sotto la soglia, ma settimana prossima sarà sicuramente peggio di questa". Alessandro Stecco, presidente della Commissione regionale Sanità, traccia il bilancio settimanale del Piemonte e il quadro è tutt’altro che positivo.

Le interviste sul numero de La Sesia in edicola venerdì 5 marzo

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500