cerca

Con altre 11 milioni di persone

James, crescentinese su Marte

Boarding pass per il pianeta rosso

boarding pass

Un crescentinese “su Marte”. James Paolo Rosati ha appena due anni e mezzo e vanta già un boarding pass per Marte. Il suo nome, insieme a quello di quasi  11 milioni di persone da tutto il mondo, è atterrato pochi giorni fa su Marte. Dopo sette mesi di viaggio, era partito il 30 luglio 2020, il rover della Nasa “Perseverance” il 18 febbraio è atterrato sul pianeta rosso.  Nel 2019 la Nasa, grazie all’iniziativa “Send your name”, ha dato la possibilità di scrivere il proprio nome su un microchip da inviare sul suolo marziano. E papà Leonardo non ha perso l’occasione per aderire all’iniziativa. "Ora è troppo piccolo per capire, ma credo sia un regalo da ricordare. In qualche modo è entrato a far parte della storia". I nomi, incisi su tre chip grandi poco più di una moneta da 10 centesimi sono stati impressi con una tecnica di scrittura a flusso elettronico, uno strumento di precisione in grado di fare incisioni al di sotto del micrometro. James per la Nasa è “marziano” dal 29 maggio 2019, giorno in cui è stato prenotato il biglietto per Marte. Perseverance, dopo ben 475 milioni di chilometri e 207 giorni di viaggio ha iniziato ad esplorare il suolo marziano grazie a tecnologie all’avanguardia. E lassù, di italiano non ci sono solamente i nomi di 186132 italiani che hanno aderito all’iniziativa di “Send your Name”, c’è anche una sorta di localizzatore dell’Istituto nazionale di fisica nucleare. A Leonardo Spa e Thales Alenia Space il compito di  riportare sulla Terra campioni di suolo marziano. Intanto in casa Rosati si è già prenotato il prossimo Boarding Pass per la missione del 2026, questa volta accanto al nome di James ci sarà anche quello del fratellino Liam.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500