" />

cerca

La richiesta

"Fare presto per salvare i nostri anziani"

L'appello dei sindacati dei pensionati

Cisl

Le segreterie regionali di Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil chiedono alla Giunta regionale un impegno pubblico per la vita dei più anziani. “Si metta a punto un piano vaccinale che definisca in modo chiaro priorità e modalità operative – affermano i sindacati -  Ogni giorno, ora o minuto perso nella campagna vaccinale, ha una diretta e drammatica conseguenza in termini di vite umane, in particolare tra gli over 60 dove da inizio pandemia si concentra il 95,6% dei decessi. Pur consapevoli che esistono problemi riguardo all’approvvigionamento dei vaccini, abbiamo rilevato che per garantire i richiami a coloro che avevano ricevuto la prima dose si è rallentata la somministrazione agli ospiti nelle rsa.

Poi i sindacati aggiungono: “Possiamo ipotizzare che tra queste persone il livello di immunizzazione sfiori appena il 50%. La seconda fase che riguarda i cittadini ultraottantenni partirà il 21 febbraio, dopo le altre grandi regioni italiane. Allo stato attuale c’è poca chiarezza su un piano di somministrazione che garantisca i non autosufficienti impossibilitati a muoversi e sul ruolo del personale che se ne prende cura. Già nella prima ondata non sono stati protetti in modo adeguato, rassegnandosi alla loro fragilità. Ancora una volta si tarda a tutelarli. La pandemia lascerà un trauma fortissimo: non è immaginabile voltare pagina e trovare le stesse condizioni. Il sistema assistenziale si è mostrato decisamente inadeguato. È necessario rivedere completamente il modello delle rsa”.

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500