cerca

La richiesta

Icardi, vaccinazioni: "Più criteri di equità per la distribuzione"

"Non penalizzare le regioni con popolazione più anziana

Luigi Icardi

Luigi Genesio Icardi

Disponibilità dei vaccini, modalità di distribuzione, categorie da includere e aggiornamenti sulle assegnazioni di medici e infermieri: sono i quattro temi della campagna vaccinazione contro il Covid19 che il coordinatore nazionale della Commissione Salute e assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, pone all’attenzione del presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, in una lettera che gli ha inviato, indirizzata anche al ministro della Salute Roberto Speranza e al commissario straordinario per l’emergenza Covid19 Domenico Arcuri.

Il documento, scaturito dalla riunione di ieri della Commissione Salute, pone in primo luogo la necessità di conoscere la disponibilità di almeno un “minimo garantito” di vaccini, da incrementare se le disponibilità dovessero essere maggiori. Riguardo ai criteri per la ripartizione dei vaccini tra le Regioni, viene contestata la nuova modalità individuata per la “fase due” che prevede l’assegnazione in proporzione alla quota di popolazione di ciascuna Regione: “Poiché esistono fra le Regioni differenze sensibili relativamente alla percentuale di popolazione di età uguale o superiore agli ottanta anni sulla popolazione generale – scrive Icardi - sarebbe più corretto considerare una distribuzione proporzionale alla numerosità della classe dei soggetti di età uguale o superiore agli ottanta anni di ciascuna Regione”.

Lo stesso criterio, secondo Icardi, “andrebbe applicato anche ai soggetti di età uguale o superiore ai 60 anni e inferiore agli 80, che verranno vaccinati nel primo step della fase due”. La lettera fa notare come “la definizione non univoca fra le Regioni della popolazione target del primo step della prima fase ha fatto sì che si siano creati alcuni problemi sia in termini di distribuzione che di utilizzo dei vaccini”: “La partenza repentina della fase vaccinale – scrive Icardi  - ha reso complessa una definizione univoca che sarebbe stata assolutamente necessaria e fonte di condivisione di principi e criteri, sempre nell’ottica di ottimizzare l’utilizzo dei vaccini rispetto alla utilità per il paese. Oggi, tenuto conto che il terzo step della prima fase e il primo step della seconda fase vaccinale non presentano difficoltà interpretative rifacendosi al solo criterio dell’età, si ritiene imprescindibile una univoca definizione dei successivi gruppi di popolazione relativi alla restante fase due e alla fase tre”.

Sempre relativamente all’individuazione delle categorie da includere nella vaccinazione, il coordinatore Icardi chiede “se l’assenza di previsioni per i professionisti sanitari che operano al di fuori delle strutture pubbliche o private accreditate indichi che questi debbano rientrare, se non presentano altre condizioni di età o condizione di fragilità, nella quarta fase del piano vaccinale, quella rivolta alla popolazione generale”. A tal proposito, viene sottolineato che “per alcune specifiche attività sanitarie al comparto privato non accreditato fanno riferimento quote significative di popolazione”.

Infine, indica che “sarebbe necessario poter disporre nei tempi minori possibili delle informazioni relative alle figure professionali, specificando se medici o infermieri o assistenti sanitari, che saranno assegnati alle singole regioni fra coloro che hanno aderito al bando nazionale”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500