cerca

A Vercelli

Raccolti Festiva: dialogo tra parole, emozioni e musica

Il 24 settembre workshop, focus sul pane, rading e seduzioni della mente

Raccolti Festival

Vercelli: inaugurato Raccolti Festival. Domani, sabato 24 settembre, si parte dal dialogo tra parole, emozioni e musica sin dal mattino. A cominciare dalle 10 del mattino con il workshop a cura di Gloria Campaner, pianista di fama internazionale, per imparare a esprimere la creatività, a vincere le paure, a mettere a fuoco le proprie emozioni. L’artista si esibirà anche la sera stessa in un concerto su musiche di Fauré, Rachmaninov, Chopin e Franck, accompagnata sul palco da Giulia Rimonda, giovane e talentuosa violinista, dando voce alla forza seduttiva della musica. Entrambi gli appuntamenti sono realizzati in collaborazione con Camerata Ducale e Viotti Festival (iniziative a pagamento e su prenotazione).

FOCUS SUL PANE

Dalle ore 11 inizierà una Tavola Rotonda dal titolo La rivoluzione del Pane. La quarta edizione di Raccolti infatti si svolgerà in contemporanea con Terra Madre (https://www.terramadre.info/) . La collaborazione con la condotta vercellese di Slow Food si consolida con la partecipazione a Slow Grains, la sezione dedicata alle sementi. La mattinata sarà dedicata alle narrazioni del cibo, tra sostenibilità e nuovi stili di vita e vedrà la partecipazione del panificatore milanese Davide Longoni, insieme a Antonio Pellegrino, Forno Frangipane, Manuele Mussa e alla redazione de “L’integrale: rivista di pane e cultura”.

Di pane parlerà anche l’autrice Margherita Oggero in un racconto intimo, dedicato alla memoria della sua vita in famiglia tra ricordi e cibi del cuore, a cui seguirà una degustazione di pani artigianali a cura di Forno Frangipane, Gas Vercelli e Agricola Agorà.

Nel pomeriggio, a partire dalle 14,30, il Festival punterà i riflettori anche sulle infinite seduzioni della mente: insieme agli scrittori Giorgio Boatti e Daniele Mencarelli si parlerà infatti della follia e del disagio psichico. Il tema verrà affrontato anche nel panel delle 15,30 concentrato sul progetto AttraVERSO il lavoro - con arte che ha coinvolto artisti e persone con disagio psichico nella creazione di piccole opere d’arte sartoriale attraverso materiali di recupero. Può esserci equilibrio tra l'irrazionalità̀ dell'amore e la pura logica della mente? A questa ed altre domande proverà a rispondere il teologo Vito Mancuso e lo farà riflettendo sulle vite e sulle esperienze di grandi del presente e del passato in un incontro intorno alle menti innamorate che si svolgerà alle 16. Dalle 17, insieme all’autore Filippo Maria Battaglia, si ragionerà invece sulla memoria, partendo proprio dal suo ultimo romanzo, ‘Nonostante tutte’, costruito sui diari di centodiciannove donne, conservati nell’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano.

Infine, il matematico Piergiorgio Odifreddi e lo scrittore Alessandro Barbaglia saliranno sul palco di Raccolti alle 18 per un dialogo a due sugli scacchi, da sempre spunto di grandi narrazioni, ed essenza dell’ultimo romanzo dell’autore novarese “La mossa del matto” (Mondadori, 2022) sulla storica sfida tra l’americano Bobby Fischer e il russo Boris Spasskij nel Mondiale del 1972, in piena Guerra Fredda. 

Il sabato del Festival si chiuderà alle 21,30 con l’ironia romantica del poeta Guido Catalano in un reading in solitaria, dal titolo: “Adesso basta poesie d’amore: diamoci dentro”, sull’amore ai tempi del lockdown.
Il Programma completo del Festival è disponile a questo link: https://raccoltifestival.it/# programma

In caso di maltempo gli incontri saranno trasferiti nel Salone Dugentesco. Tutti gli incontri – a ingresso gratuito - avverranno in una dimensione intima e raccolta, con un forte richiamo alla terra e alle radici.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500