cerca

Rassegna Aostaclassica

Angelo Branduradi in concerto al Forte di Bard

Appuntamento per venerdì 22 luglio in piazza d’Armi

Angelo Branduardi

Debutta con un protagonista assoluto della musica italiana la rassegna Aostaclassica al Forte di Bard promossa da Associazione Forte di Bard e Associazione culturale Aosta Classica. Venerdì 22 luglio 2022, alle ore 21.30, sul palco della piazza d’Armi salirà Angelo Branduardi. Quasi cinquant’anni di carriera e 50 album, nel segno della sperimentazione, della ricerca, dell’esplorazione muovendosi tra musica antica, pop, folk, Branduardi riporta sul palco quel mondo musicale e creativo che, attingendo dalle leggende popolari e ai suoni del passato, lo ha reso unico sulla scena musicale italiana e internazionale.

Ad accompagnarlo nel suo The hits Tour sono Fabio Valdemarin alle tastiere, Antonello D’Urso alle chitarre, Stefano Olivato al basso e Davide Ragazzoni alla batteria. In scaletta i brani più amati del suo repertorio, da “Si può fare” a “Confessioni di un malandrino”, da “La pulce d’acqua” all’immortale “Alla Fiera dell’Est”. Tutti grandi successi che hanno arricchito gli ultimi 40 anni di musica italiana.

Angelo Branduardi nasce a Cuggiono, alle porte di Milano, il 12 febbraio 1950. Da giovane si trasferisce, al seguito della famiglia, a Genova dove conosce l'ambiente musicale della scuola genovese che rappresenterà un importante stimolo per la sua attività artistica. Rimane fortemente influenzato anche dalla musica d'Oltremanica, tanto da citare tutt'oggi Donovan e Cat Stevens fra i propri idoli musicali. Volendo intraprendere una carriera concertistica, inizia lo studio di violino, diplomandosi al conservatorio di Genova all'età di soli 16 anni (tra i più giovani diplomati al conservatorio d'Italia). Tornato a Milano, asseconda l'intima esigenza culturale di imparare a suonare la chitarra e di comporre le prime canzoni ispirandosi a testi di poeti come Sergei Esenin, Dante, e al suo insegnante all’Istituto Tecnico per il Turismo, Franco Fortini, a cui dedicherà, in occasione della scomparsa, la title-track dell'album “Domenica e lunedì”. Proprio sulle parole di una poesia di Esenin compone uno dei suoi brani più celebri, “Confessioni di un malandrino” (1975). In quel periodo incontra anche Luisa Zappa, poi divenuta sua moglie e compagna artistica, scrittrice di quasi tutti i suoi testi.

Molte delle musiche più famose di Angelo Branduardi traggono ispirazione da brani di un passato antico e spesso dimenticato. Branduardi pertanto è fautore di una riscoperta del patrimonio musicale antico non solo nazionale ma anche europeo, come dimostrano i progetti “Futuro antico”, di cui sono stati pubblicati ad oggi VIII Volumi. Ha inoltre portato in tour “La Lauda di Francesco”, evoluzione concertistica, nata principalmente da un altro cd edito nel 2000 dal titolo “L'infinitamente piccolo”, dedicato alla vita di Francesco d'Assisi (doppio disco di platino soltanto per quanto riguarda il mercato italiano). Proprio questi brani, insieme alle musiche sacre e profane del Medioevo raccolte nel primo “Futuro Antico”, nel 2016 sono confluiti nell’ultimo doppio cd “Da Francesco a Francesco”, raccolta che il “menestrello italiano” ha voluto pubblicare in occasione del Giubileo della Misericordia. Proprio l’elezione al Soglio Pontificio di Papa Bergoglio, che da San Francesco ha preso il nome e che al suo insegnamento ha improntato la sua azione pastorale, ha infatti risvegliato il desiderio del cantautore di riportare all’attenzione del pubblico i due lavori precedenti, nel segno di quella Misericordia che “rende l’uomo capace di lode a Dio”.

Angelo Branduardi è stato, ed è tutt'ora, molto apprezzato in Germania, Francia, Belgio, Olanda, Svizzera e tanti altri paesi europei ed extraeuropei, come dimostrano ogni anno le sue seguitissime tournée. Branduardi porta in giro il nuovo progetto “Camminando camminando Tour”, un concerto “a due” che parte dall’idea del “meno c’è più c’è”, dal gusto della sottrazione, alla ricerca dell’emozione profonda. Contemporaneamente si esibisce con la band riproponendo i suoi maggiori successi. / Nello stesso anno Angelo inizia un tour elettrico con la sua fidata band denominato “Hits Tour”, dove esegue alcune chicche e i brani conosciuti ai più della sua più che quarantennale carriera. Tour che continua tutt’ora.

Biglietti:

Primo settore 40,25 euro
Secondo settore 34,50 euro
Terzo settore 28,75 euro
Prevendite aperte su ticketone.it e presso il punto vendita ufficiale di Aosta Classica, Musica e Ricordi in via Sant’Anselmo ad Aosta.

Le richieste per eventuali spettatori con disabilità motoria devono essere inviate all’organizzazione locale all’indirizzo mail: [email protected] Verranno soddisfatte fino ad esaurimento dei posti disponibili. Aosta Classica al Forte di Bard gode del sostegno della Regione Autonoma Valle d’Aosta, della Fondazione Crt e di Cva Energie.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500