cerca

Università della terza età

Serravalle Sesia: “Euseo: un santo, una comunità, un santuario sulla rupe”

La relazione della professoressa Piera Mazzone

Il santuario di Sant'Euseo

Il santuario di Sant'Euseo a Serravalle Sesia

Il testo della lezione tenuta in occasione degli "Incontri del Giovedì" dell'Università della Terza Età in Seminario dalla dottoressa Piera Mazzone in occasione del centenario del Santuario di Sant'Euseo, su  “Euseo: un santo, una comunità, un santuario sulla rupe”.

Piera Mazzone

Il Santuario di Sant'Euseo, con la sua mole dapprima s'impone alla vista dei visitatori, poi ne conquista il cuore attraverso la Fede di coloro che nei secoli lo edificarono e lo arricchirono di numerose opere d'arte. "L'umile scarpinello", come lo definì il Cusano, visse in questo territorio molti secoli fa, prima ancora che fosse creato il borgo franco di Serravalle. Questa secolare storia di Fede si è concretizzata in un grandioso santuario, meta di numerosi pellegrinaggi nei secoli passati e ancor oggi luogo di devozione molto frequentato.

Sant'Euseo

La grande opera di ampliamento del Santuario venne iniziata nel 1619. Il parroco Don Giorgio Avondo, guarito nel 1607 per intercessione del Santo, dispose che fossero iniziati i lavori di ampliamento della primitiva chiesetta. L'antico tempietto, affrescato con dipinti nel secolo XV, non venne distrutto, ma incorporato nella nuova fabbrica. Nel nostro tempo così rumoroso si avverte un nuovo desiderio di romitaggio per sfuggire “al frastuono che distoglie le nostre vite dal loro vero obiettivo”: proprio l’ideale di una vita sobria e nascosta trova in Euseo un modello significativo. Un’altra dimensione di attualità è quella del lavoro: per Euseo il lavoro era un valore in sé e tendeva a Dio, ma il lavoro era anche solidarietà, entrambi concetti forti, da riattualizzare nella nostra epoca così precaria. L’Arcivescovo di Vercelli, Padre Enrico Masseroni, il 13 maggio 1997, in occasione del 50° anniversario della traslazione delle reliquie del Santo, tenne in oratorio a Serravalle un incontro su: "La santità di Sant'Euseo: una sfida per l'uomo d'oggi", ricordando come di molti Santi conosciamo pochissimo, anzi spesso l'unica cosa essenziale: la Santità, e ricordò che "Sant'Euseo è stato capace di far pensare anche i distratti", infatti la sua morte è un episodio simbolicamente ricco, questo santo parla alla gente, anche ai più indifferenti o ai più lontani, come quegli uomini mascherati che si recavano ad una festa di Carnevale.

Sant'Euseo

La devozione popolare conservò sempre una gran Fede in Sant’Euseo, al quale si rivolse anche nel momento più tragico per la storia di Serravalle: il 6 febbraio 1944 avrebbe potuto essere l’ultimo giorno di esistenza del paese, i nazifascisti avevano minacciato di incendiarlo per rappresaglia, ma per intercessione del Santo ciò non avvenne. L’Arcivescovo aveva voluto essere presente nel santuario anche il 31 maggio 2004, quando fu inaugurato con particolare solennità il lavoro di restauro dell’antico organo. Le reliquie del Santo, rinvenute nel 1619 durante i lavori di costruzione del santuario furono conservate dapprima in chiesa parrocchiale, poi traslate solennemente al santuario. In ricordo di questa traslazione nel 1922 furono organizzati grandiosi festeggiamenti con processione dal santuario alla chiesa di San Giovanni Battista. Le fonti dell’epoca riferiscono che per le Feste Centenarie del Beato Euseo nel 1922, giunsero a Serravalle ben quarantamila persone.

Nel 1947, finita la guerra si ripropose la processione con il trasporto dell’urna del Santo in chiesa parrocchiale. Quest’anno, nel centenario delle feste del 1922, il parroco, Don Ambrogio Asei Dantoni, ha organizzato un ricco programma che prevede ogni domenica la Santa Messa celebrata al Santuario alle ore 18, da un parroco passato a Serravalle o legato al paese. Il 5 giugno, giorno di Pentecoste, tradizionale festa di Sant’Euseo, ci sarà un concerto dell’Orchestra Giovanile Ex Novo, diretta da Chiara Pavan. Nell’intervallo del concerto verranno ricordate le feste centenarie del 1922 e si parlerà dell’opuscolo che era stato pubblicato.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500