cerca

Vercelli - Museo Borgogna

Tra sogno e realtà. Le donne di Alciati: l'intervento di Sergio Rebora

Il 27 marzo: presentazione della donazione e del un nuovo allestimento

Museo Borgogna Ambrogio Alciati

Studio per il ritratto di Adriana Polti Miani di Ambrogio Alciati

Vercelli, Museo Borgogna: domenica 27 marzo alle 15 il presidente Francesco Ferraris, avrà il piacere di presentare al pubblico una nuova donazione di opere e un nuovo allestimento delle sale del Novecento. Sette opere del pittore vercellese Ambrogio Alciati arricchiscono il percorso espositivo dedicato alla pittura del Novecento. Donate dal signor Giulio D’Astore di Roma, in memoria della moglie Amelia, figlia di Ambrogio Alciati, la raccolta è formata da sei dipinti e un carboncino che si vanno ad aggiungere alle tele già presenti nelle collezioni del Museo.

A presentare il lavoro dell’artista e le nuove opere sarà Sergio Rebora, storico dell’arte che ha già avuto modo di collaborare in passato con il Museo per la mostra su Umberto Ravello. Lo studioso, specializzato nel rapporto tra le arti figurative tra Otto e Novecento e il collezionismo, terrà la conversazione "Tra sogno e realtà. Le donne di Alciati". 

A proposito del suo intervento Rebora spiega: "Al centro della pittura di Ambrogio Alciati, dai precoci esordi alle opere della maturità, si pone con evidenza una riflessione approfondita sulla figura femminile: immagini dalla valenza decorativa, specie all'inizio, in consonanza con l'affermarsi delle istanze moderniste di primo Novecento, ma che acquistano un più impegnato risvolto simbolico in alcune grandi composizioni dal piglio sentimentale (Spasimo, Gli amanti, La pace perduta, La fine di un sogno) o spiritualista (L'Annunciazione, l'Allegoria Taveggia). A questa dimensione idealizzata e visionaria fa in parallelo riscontro la rappresentazione alla moda delle tante signore della solida borghesia lombarda che desiderano essere ritratte dal maestro, a un certo punto della sua carriera divenuto titolare della cattedra di figura della prestigiosissima Accademia di Brera. Ma la parte più intima della ricerca di Alciati sul tema della donna è riservata all'ambito degli affetti privati, quelli più cari: la madre Caterina, la moglie Raffaella e la piccola Amelia". 

Sergio Rebora, storico dell’arte libero professionista, dagli anni Ottanta si interessa di argomenti connessi alle arti figurative e, in senso più ampio, alla società in Italia nell’Ottocento e nel primo Novecento, ambito in cui ha organizzato e coordinato numerose mostre e monografie, tra le quali si ricorda il catalogo generale ragionato di Vittore Grubicy De Dragon (1995). Collabora allo studio, alla divulgazione e alla tutela del patrimonio culturale di musei, istituzioni pubbliche e istituti di credito. Dal 2018 ricopre il ruolo di curatore scientifico del Cimitero Monumentale di Milano.

L’appuntamento è a ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili e si svolgerà secondo le normative vigenti in materia di contenimento del contagio da Covid-19. E’ suggerita la prenotazione al numero 389 2116858. L’evento è sostenuto dal contributo della Provincia di Vercelli.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500