cerca

Rotary Club Cairoli 

La Provincia in Giallo, edizione 2022 del Premio letterario

Entro il 31 marzo l'invio dei libri

Bianca Gravelli

La scrittrice e dantista Bianca Garavelli, fautrice ed ideatrice del premio letterario che prosegue quest'anno in sua memoria

Undicesima edizione del Premio letterario La Provincia in Giallo: il bando scade il 31 marzo. Già diversi libri sono pervenuti alla segreteria del premio e dopo il termine fissato per la consegna, la giuria inizierà il vaglio dei volumi pervenuti per scegliere la rosa dei semifinalisti e quindi dei finalisti e del vincitore.

Il Rotary Club Cairoli dopo la morte della scrittrice e dantista Bianca Garavelli, fautrice ed ideatrice del Premio Letterario, prosegue in sua memoria questa avventura con l'undicesima edizione del premio. La partecipazione è aperta a tutti gli autori in lingua italiana. Il premio si divide in: sezione A dedicata ai libri di narrativa di genere giallo/noir; sezione B Premio “Bianca Garavelli”, intitolato alla memoria della grande scrittrice e dantista che per 10 anni ha condotto l'iniziativa: è dedicato agli scrittori emergenti di genere giallo/noir. Infine la sezione C, Premio “Giuseppe Lippi”, intitolato alla memoria dell'esperto di letteratura di genere che faceva parte della giuria del concorso ed è dedicato alla saggistica di genere.

L'intento del concorso è di mettere in risalto testi di narrativa che appartengono al genere “giallo noir”, di autori italiani o che scrivono in lingua italiana, che abbiano scelto l’ambientazione provinciale. Attraverso questa narrativa che dà risalto alla provincia italiana, ai suoi aspetti peculiari e divertenti, alle sue tradizioni arcaiche e ai suoi riti attuali, i lettori possono avere la percezione di alcuni fenomeni sociali in atto. Per “provincia” si intendono quei centri abitati, e quindi anche città, purché non
siano di grandi dimensioni. Al Premio potranno partecipare opere narrative (romanzi o raccolte di racconti di uno stesso autore) e saggi, inviati dagli autori stessi o dagli editori, oppure giudicate meritevoli a insindacabile giudizio della Giuria. Le opere devono essere state pubblicate fra il gennaio 2021 e il febbraio 2022.
 

La giuria presieduta da Margherita Oggero è formata da Andrea Maggi, Giuliano Pasini, Flavio Santi, Laura Fedigatti esaminerà e valuterà i testi ricevuti fino all’individuazione dei tre libri migliori e, fra questi, di un’opera vincitrice. I volumi concorrenti dovranno essere inviati in 7 (sette) copie entro e non oltre il 31 marzo (farà fede il timbro postale), allegando nello stesso
plico un recapito telefonico e di posta elettronica, alla Segreteria del Premio: Dott. Ing. Paolo Rossi, via Francesco Sampietro, 1 27026 Garlasco (Pavia).

A ciascun finalista della sezione A sarà attribuito un premio di 500 euro. Al vincitore sarà attribuito un ulteriore premio di € 500 euro per arrivare a un totale di 1000 euro. Il premio della sezione B consiste in 500 euro come pure per la sezione C. La  cerimonia di premiazione, che si svolgerà, con la partecipazione della giuria che esporrà le motivazioni, l’11 giugno 2022 alle ore 17,30 al Teatro Martinetti di Garlasco (Pavia). Nel corso della cerimonia, che si svolgerà, se possibile, in presenza con tutte le precauzioni previste dalle norme anti pandemia, sarà rivelato il titolo dell’opera vincitrice. I premi dovranno essere ritirati personalmente dai finalisti, che dovranno presenziare alla cerimonia, pena la squalifica e la non attribuzione dei premi in denaro. Qualora uno o più finalisti non dovessero partecipare alla cerimonia di premiazione, la Giuria avrà facoltà di scegliere altre opere da inserire tra i finalisti. La squalifica e la mancata consegna del premio in denaro non verranno applicate solo in caso di malattia, che dovrà essere debitamente documentata tramite un certificato medico che dovrà pervenire all’indirizzo [email protected]. La partecipazione in modalità remota sarà ammessa solo nel caso in cui la situazione pandemica non permetterà lo svolgimento della cerimonia di premiazione in presenza ovvero per malattia debitamente certificata.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500