cerca

A Torino - esposizione

In mostra 26 opere di Marco Lodola, "l'elettricista dell'arte"

Le sue sculture luminose sono oggetti di comunicazione e design

Marco Lodola Vacanze Romane

La scultura luminosa di Marco Lodola dal titolo "Vacanze Romane"

Torino: opere di Marco Lodola in mostra alla Galleria Berman. Prenderà il via il 20 gennaio, alle 17, e sarà visitabile fino al 26 febbraio, nella sede espositiva in via Arcivescovado la mostra “Milleluci” che vedrà esposte 26 sculture dell’artista di fama internazionale “che illumina il mondo”, Marco Lodola appunto. Le sue opere sono presenti ovunque, dagli Uffizi di Firenze alla Piazza del Duomo di Milano, dalle facciate dell’Ariston di Sanremo ai palazzi di Dior disseminati in tutto il mondo. Le sculture luminose sono veri e propri oggetti di comunicazione, design e arredamento.

Conoscere Marco Lodola e la sua arte è come tuffarsi tra presente, passato e futuro. La mostra è un modo per celebrare un vero e proprio “Re” della Pop Art contemporanea. Nel catalogo, curato dalla critica d’arte dottoressa Carla Bertone, si evidenzia
l’attenzione di Lodola per il dettaglio e per un uso sapiente della luce e del colore. Le fonti luminose, che dialogano con l’osservatore, sono gli elementi principali di un’arte che inserisce Lodola, per sua stessa ammissione, nella corrette Neo-Futurista.

L’artista si definisce con simpatia un “elettricista dell’arte” e il suo dono di luce diventa vita, speranza ed energia creativa, benefica, soprattutto in un momento come quello che tutta l’umanità sta vivendo a causa dell’emergenza pandemica. Il “Lodolamondo” ormai sta dilagando. Le sue inconfondibili sculture, investite della personalità del loro magico deus ex machina, ultimamente hanno invaso le vetrine delle boutique Dior di Parigi, New York, Roma, Singapore, Tokyo, Dubai Shanghai e
Seul. Mannequin colorate, faccine, autobus, motociclette, scarpe, borse, cappelli, rossetti e sciarpe si accendono di magia.
Torino, ormai da qualche mese, è tutta “lodolata”: dalle dive al Museo del Cinema per la mostra “Diabolik”, alle installazioni in Piazza della Repubblica, al mercato coperto di Porta Palazzo fino alla Galleria Berman.

L’ultima magia dell’artista è proprio la mostra in via Arcivescovado, in cui la passione per l’arte si mescola ad un incantesimo di luce ed emozione. Ventisei installazioni luminose, di cui tre monumentali da esterni, restituiscono una carrellata della sua ricerca artistica in cui Lodola richiama le sue prestigiose collaborazioni con Renzo Arbore, Red Ronnie, le scenografie per molti programmi Rai o per X-Factor, le copertine di dischi e cd per i suoi amici musicisti come Max Pezzali, Ron, Drupi e molti altri. Lui stesso, si definisce “rock and roll” e non si smentisce con l’appuntamento annuale con la facciata dell’Ariston di Sanremo.
Le sue opere contengono, oltre all’aspetto ludico, anche tutte queste suggestioni televisive e musicali insieme. Si può giocare con l’arte? La risposta può essere univoca in quanto la creazione artistica non può discostarsi dal contenuto e deve spingersi inesorabilmente oltre gli aspetti ludici per prorompere con un messaggio.

Mostra visitabile da martedì a sabato, dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 16 alle 19, in via dell’Arcivescovado 9 a Torino. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500