cerca

Vercelli - XXIV Viotti Festival

La pianista Gloria Campaner in concerto l'8 gennaio

In programma Suite bergamasque di Debussy e Preludi di Chopin

La pianista Gloria Campaner in concerto l'8 gennaio

Glioria Campaner (Foto di Jarek Wierzbicki)

Vercelli, XXIV Viotti Festival: sabato 8 gennaio al Teatro Civico, alle 21, concerto della pianista Gloria Campaner. In programma  Suite bergamasque di Debussy  e 24 Preludi, op. 28 di Chopin. L'appuntamento sarà il primo in cartellone per il 2022. E sarà importante per almeno tre motivi: l'aspetto simbolico, i contenuti musicali e la presenza di una straordinaria pianista quale Gloria Campaner. Simbolicamente, questo concerto apre un anno che si annuncia ancora irto di difficoltà, ma che nel cuore di tutti si spera possa finalmente segnare l'uscita dall'emergenza pandemica e sappia consolare il pubblico della recente delusione per l’annullamento del concerto di San Silvestro. E il programma del concerto aiuterà a recuperare una visione del mondo in qualche misura più poetica e fiduciosa. "Gloria Campaner eseguirà infatti due capolavori assoluti del repertorio pianistico, capaci di coinvolgere, affascinare, commuovere - spiega il direttore artistico del Viotti Festival Cristina Canziani - La Suite bergamasque di Claude Debussy, opera di vibrante e struggente bellezza che contiene, come un tesoro racchiuso in uno scrigno prezioso, il Clair de lune, forse tra i brani pianistici più amati e conosciuti di ogni tempo, capace di attraversare le epoche finendo addirittura per comparire nelle colonne sonore di grandi film hollywoodiani. Poi sarà la volta dei Preludi di Frederyk Chopin, omaggio al Clavicembalo ben temperato di Bach nel quale, in 24 brani – uno per tonalità – che a volte paiono quasi dei frammenti, si compone un mondo di passioni inquiete, sentimenti profondi, incessante ricerca della bellezza".

Una scelta musicale esaltata dal valore dell'interprete, come sottolinea Canziani: "Gloria Campaner, infatti, cammina da
tempo con grazia e bellezza sui palcoscenici internazionali lasciando dietro di sé momenti unici. Artista riconosciuta per i suoi molteplici talenti, unisce al suo appassionato impegno musicale un'incessante attività per la difesa dei diritti umani. Il suo vasto repertorio, che spazia da Bach ai compositori moderni e contemporanei, le sue performance innovative che la affiancano a musicisti jazz e folk così come a coreografi, ballerini moderni, artisti visivi, attori, filosofi, comici, dj e produttori di musica elettronica la rendono una delle pianiste più eclettiche e versatili della sua generazione". 

Nata nell'entroterra veneto, dal suo debutto all'età di 12 anni con l'Orchestra Sinfonica di Venezia Gloria Campaner ha ricevuto più di 20 premi nazionali e internazionali tra cui il Paderewski International Piano Competition di Los Angeles, l'Ibla Grand Prize e l'XI Concours International de Musique du Maroc a Casablanca. Questo l'ha portata ad essere ospite di alcuni dei Festival più prestigiosi del mondo e ad essere recensita entusiasticamente dalla stampa internazionale per “la musicalità estremamente profonda, la notevole fluidità, le sfumature e il senso dello stile” (Los Angeles Times).

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500