cerca

Museo Borgogna - Antiqua Vercelli

La prima musica da ascoltare: concerto de L'Accademia del ricercare

Venerdì 22 ottobre musiche inglesi e tedesche del periodo Barocco

Accademia del Ricercare

L'Accademia del Ricercare

Vercelli, Museo Borgogna: venerdì 22 ottobre alle 21 si conclude Antiqua Vercelli 2021 con un concerto dell’Accademia del Ricercare intitolato “La prima musica da ascoltare”. Diretta da Pietro Busca, l’Accademia del Ricercare, nella sua formazione orchestrale che comprende violini, viole da gamba, violoncelli, flauti, cornamuse, clavicembalo e percussioni, propone un ricco programma di musiche inglesi e tedesche del periodo Barocco.


La prima musica da ascoltare
Il primo compositore inglese a dedicarsi con intenti esplicitamente artistici al repertorio strumentale fu William Byrd, autore oggi conosciuto soprattutto per la sua raffinata produzione sacra, concepita sia per il rito cattolico sia per la nuova chiesa anglicana. Byrd seppe spingersi oltre la tradizione di danze popolari in gran parte improvvisate che era fiorita sull’isola fino a quel momento, sia nelle sue opere per organo e clavicembalo sia nelle sue splendide fantasie per consort di viole da gamba. A differenza di Byrd, compositore cattolico tollerato dall’anglicana Elisabetta I per eccezionali meriti artistici, tra la fine del XVI e l’inizio del XVII secolo molti musicisti inglesi furono costretti a lasciare la patria per sfuggire alle persecuzioni religiose o – più semplicemente – per cercare un’occupazione più remunerativa. Tra di essi vi era William Brade, che approdò in Germania intorno al 1590 e passò da una corte all’altra spinto da un carattere inquieto e un’indole dissoluta. Brade si dedicò esclusivamente al repertorio strumentale, con una particolare predilezione per le danze. Mentre Brade vagava tra le città della Germania settentrionale, iniziò a splendere l’astro di Johann Hermann Schein, uno dei compositori tedeschi più carismatici della sua epoca, insieme a Heinrich Schütz e a Samuel Scheidt. Nel 1617 Schein pubblicò la sua opera più importante, Il Banchetto musicale, una raccolta di venti suites concepite per allietare i banchetti delle corti di Weissenfels e di Weimar. Questa panoramica si chiude con Johann Rosenmüller, il più giovane di tutti, che nel 1655 fu costretto a cercare rifugio a Venezia per sfuggire a uno scandalo di natura sessuale. Nel nostro paese studiò a fondo le opere dei compositori più influenti dell’epoca, tra cui quelle di Arcangelo Corelli, di cui adottò lo stile, contribuendo attivamente a diffonderlo in Germania.

L'Accademia del ricercare

Nei suoi trent’anni di attività, il gruppo, nelle sue diverse formazioni ha effettuato oltre 1.000 concerti ed è stato invitato ad esibirsi per importanti istituzioni musicali, festival nazionali ed internazionali di alto livello: Bruges Festival Internazionale delle Fiandre, Festival de La Chaise Dieu, Lens Festival Contrepoints, Kyoto, Osaka, Bolzano Festival, Università di Leon Spagna, I Concerti dell’Accademia Ravenna, Festival di Musica Antica Graz, Festival de Musica Espanola de Madrid, Festival de la Laguna Tenerife, Festival Internacional de Musica de Galicia, Festival Internacional de Musica y Danza de Granata, Festival de Musique et Renaissance di Parigi Ecouen, Antiqua BZ, Canto delle Pietre Regione Lombardia e Regione Piemonte, S. Sempliciano a Milano, Genova, Firenze, Campobasso, Viadana, Stresa, Noto, Brindisi, Pantelleria, è Kiel, Amburgo, Barcellona, Alberville, Barcellonet, Motril, riscuotendo, ovunque si sia proposta, ottimi consensi di pubblico e di critica. Nel 2009 ha ricevuto l’incarico dal Governo delle Canarie e dalla società di Musicologia Spagnola di incidere i Villancicos di Diego Duron, opera che ha suscitato grande interesse per l’appropriata scelta dell’organico strumentale. Nel 2017 è stata invitata dall’Istituto di Cultura Italiano in Giappone per una serie di quattro concerti nelle città di Osaka, Kioto e Fukuoka. L’Accademia del Ricercare ha realizzato 20 registrazioni su CD (edite e distribuite sul mercato internazionale da Elegia, CPO, Brilliant, Tactus, Stradivarius) il cui successo è confermato dai notevoli volumi di vendita quanto dalle recensioni pubblicate sulle maggiori riviste del settore in Europa. L’Accademia del Ricercare collabora permanentemente con i massimi esponenti a livello mondiale nell’esecuzione della musica tardo-rinascimentale o barocca, i quali vantano individualmente curriculum di prestigio (Cappella Real de Catalunia, J. Savall, K. Boeke, A. Curtis, W. van Hauwe D. Oberlinger ecc…)

Partecipazione a pagamento ed esclusivamente su prenotazione contattando la Società del Quartetto allo 0161 255575 o all'indirizzo email: [email protected] quartettovercelli.it oppure presso il Museo Borgogna al 389-2116858, tutti i giorni, dalle 14,30 alle 17,30.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500