cerca

Santa Fede a Cavagnolo - Torino

Al via il Festival delle Abbazie: due weekend di esperienze gratuite

I più piccoli potranno prendersi cura dei cavalli

Abbazia di Santa Fede

L'abbazia di Santa Fede

Al via il Festival delle Abbazie: due weekend ricchi di esperienze e spettacoli gratuiti dal trekking alle conferenze, alla musica e teatro, alla convivialità con il buon cibo locale e momenti di spiritualità e di condivisione. L’Abbazia di Santa Fede a Cavagnolo (Torino) è centro di un percorso pluriennale che parte tra pochi giorni, volto alla conoscenza del territorio e al legame con altre realtà di grande interesse dal punto di vista spirituale-umano, culturale, storico, artistico e ambientale. Sono tante le proposte per i due fine settimana del 24, 25 e 26 settembre e del 1°, 2 e 3 ottobre di questa prima edizione del Festival delle Abbazie dedicato all’incontro e alla scoperta di Santa Fede e di Santa Maria di Vezzolano. Si proseguirà poi il prossimo anno con l’incontro con il Sacro Monte di Crea, il 2023 sarà la volta dell’Abbazia di Santa Maria di Lucedio, l’anno successivo Abbazia di Fruttuaria per arriva nel 2025 in Francia, all’Abbazia di Sainte-Foy di Conques.

La proposta del Festival è nata su impulso dell’associazione Comunità Siloe in collaborazione con l’azienda agricola sociale AgriSiloe e con il coinvolgimento di persone, aziende e associazioni delle zone limitrofe, con particolare riferimento alle aree di Cavagnolo, Brozolo, Brusasco, Monteu da Po, Verrua Savoia, Tonengo e Moransengo: comuni che hanno concesso il patrocinio insieme al programma Mab Unesco.

Si parte venerdì 24 settembre con una “Camminata notturna del nobile silenzio” da Vezzolano a Sana Fede guidata da Marco Leone, associazione Into the Wild Spirit. All’arrivo in Abbazia c’è la possibilità di pernottare per entrare nel vivo del Festival il giorno successo con la Giornata del nobile silenzio dedicata alla meditazione e all’esperienza in natura. Nel pomeriggio verrà proiettato il documentario di Marco Leone “Accanto scorre il fiume”, cui farà seguito il concerto di Davide Tosches accompagnato da Ramon Moro e da Cosimo Morleo. Dopo un apericena in stile medievale, concluderemo la giornata con “Terre mobili – concerto poetico in movimento” con il collettivo cifra danzateatro. Domenica 26 l’Abbazia di Santa Fede ospiterà le bancarelle dei sapori e dell’artigianato, mentre in uno spazio sicuro i più piccoli potranno prendersi cura di un cavallo e fare dei giri accompagnati; oltre che divertente, l’iniziativa ha anche un’importante finalità perché il ricavato sarà sarà dedicato all’acquisto e alle cure di uno dei cavalli che purtroppo vengo destinati al macello.

  

Nel frattempo ci sarà la possibilità di fare – o rifare per chi lo desidera - la passeggiata da Vezzolano a Santa Fede, questa volta con la luce del giorno. Tornati a Santa Fede nel pomeriggio, dopo un momento di spiritualità con i Vespri e la celebrazione della Santa Messa, la giornata si chiuderà con la cucina a tema calabrese. Appuntamento il fine settimana successivo. Venerdì 1 ottobre il Festival si aprirà alle 18 con la messa celebrata da Monsignor Derio Olivero, vescovo di Pinerolo e incaricato episcopale del Piemonte per le Belle Arti, che al termine terrà la conferenza “La bellezza – un ponte che ti porta dentro il mistero delle cose”.

La cena sarà sempre a tema e sempre alla scoperta di nuovi sapori: questa volta quelli siciliani. Chiuderà la giornata, lo spettacolo “Sulla riva del fiume – cronache delle genti di Po” scritto e interpretato da Marco Volpatto accompagnato dal gruppo musicale MarasmaFolk e dalla cantante Simona Cavallari. Sabato 2 ci si ritrova nel pomeriggio per andare alla scoperta delle due Abbazie di Santa Fede e di Vezzolano grazie agli interventi del professor Roberto Bechis (associazione InCollina) e del professor Maurizio Pistone (associazione La Cabalesta). Dopo i vespri, cena a tema piemontese e poi performance-spettacolo di treatro danza “Ricordi raccolti” con il collettivo cifra danzateatro. Domenica 3 ultima e intensa giornata della prima edizione del Festival delle Abbazie. Si partirà alle 9 di mattina da Monteu da Po per la camminata tutta nei boschi fino a Santa Fede
“Dal Romano al Romanico” con visita a Industria, area archeologica città romana. Trekking guidato dall’associazione Amici dei Sentieri, visita guidata a cura dell’associazione culturale Athena. Anche questa domenica Santa Fede sarà animata dalle bancarelle dei sapori e dell’artigianato e dalla presenza del cavallo Nodo, per la gioia dei bambini. Nel pomeriggio ascolteremo il concerto di musica Anima Mundi diretto dal Maestro Massimiliano Limonetti cui seguirà un momento di spiritualità con i vespri e la celebrazione della messa. La cena sarà questa volta dedicata ai sapori ritrovati dalla “Cucina dall’Italia. Chiusura in serata all’insegna del divertimento con il gruppo musicale Folk Brich&Foss diretto da Mauro Bardella. Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito, mentre per le 5 cene a tema e per le passeggiate è previsto un contributo.

Per tutti gli appuntamenti, che si terranno naturalmente nel pieno rispetto delle normative vigenti, è necessaria la prenotazione. Tutte le informazioni sono sulla pagina del sito web dedicata al Festival delle Abbazie https://www.comunitasiloe.org/festival-delle-abbazie/

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500