cerca

Comune - Archivio Storico

Napoleone a Vercelli: una mostra virtuale

Documenti e fotografie e la voce narrante dell’attrice Laura Berardi

Napoleone

Napoleone a Vercelli: una mostra virtuale. E' a disposizione su https://www.artsteps.com/view/609e24ade36c609da5b6e49f, e sul sito istituzionale Città di Vercelli, visibile da computer. L’esposizione, voluta dall’Amministrazione comunale in occasione dei 200 anni dalla sua morte, è stata realizzata con i documenti conservati presso l’Archivio Storico della Città di Vercelli, salvati dall’incendio, che nel 1814 divampò nell’archivio dell’epoca.

Il percorso virtuale è organizzato in tre sezioni: Napoleone visto da Vercelli, Una nuova amministrazione e Società napoleonica.
"Sono soddisfatto di questa iniziativa – dice il sindaco Andrea Corsaro - sono molteplici i legami tra Napoleone e la nostra città, la targa a Palazzo Avogadro della Motta testimonia il passaggio di Napoleone Bonaparte a Vercelli proprio dopo la vittoria della battaglia di Marengo, e numerosi sono i documenti conservati nel nostro Archivio Storico. In particolare, la modalità virtuale
permette di vedere da vicino manoscritti e reperti che solitamente non sono visibili al pubblico".

Il visitatore sarà proiettato in una realtà virtuale, dove "passeggiando" potrà ammirare documenti e fotografie e grazie alla voce narrante dell’attrice Laura Berardi si immergerà nell’atmosfera del tempo, sentendo risuonare gli echi delle grandi battaglie condotte da Napoleone. La ricerca storico-archivistica è stata condotta da Alessandra Cesare, responsabile dell’Archivio Storico della Città di Vercelli e dallo storico Andrea Borgione che, tra centinaia di editti e manifesti hanno selezionato una ventina di documenti cartacei e pergamene. Tra questi alcuni documenti hanno attirato, in maniera particolare, l’attenzione dei ricercatori per la loro attualità: si tratta di un editto cittadino sulle "battagliole" combattute con sassi e fionde dai giovani vercellesi di quel periodo e un atto che parla delle vaccinazioni dell’epoca contro il vaiolo.

Tutti i documenti testimoniano la vita vercellese ai tempi di Napoleone, portando alla luce sia gli aspetti di carattere politico, amministrativo, sia quelli di tipo civile e sociale. Oltre ai documenti cartacei si potranno ammirare le immagini della carrozza dell'epoca che è conservata al Museo Leone e le immagini di palazzo Avogadro della Motta, luogo dove Napoleone pernottò più volte, ospite dei Conti Avogadro della Motta.

Vercelli riveste in quel periodo un’importanza strategica, economica e politica tanto che, nel 1799, diventa capoluogo del Dipartimento della Sesia e nel 1811 riceve da Napoleone in dono lo stemma di bonne ville con sigillo in cera rossa, che potrà essere ora ammirato dai visitatori. La mostra è stata allestita da Luigi Bonarrigo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500