cerca

Questura

Vercelli: dopo la rissa chiuso il circolo di via Scalise

E' stato aggredito un uomo con una mazza da baseball. La polizia ipotizza il daspo

Vercelli: dopo la rissa chiuso il circolo di via Scalise

Disposta per quindici giorni, da parte della polizia, la chiusura del locale a Vercelli di via Scalise a seguito della rissa che si è verificata nella notte di sabato 9 ottobre durante la quale è stato aggredito un cittadino extracomunitario.
“La baruffa vera e propria – spiega il questore Maurizio Di Domenico - si è verificata all’esterno del locale, ma abbiamo degli elementi per ritenere che la discussione, che poi è sfociata in quello che molti cittadini hanno visto, sia iniziata all’interno: né il titolare né il personale dipendente ha avvertito le forze dell’ordine”.
I fatti risalgono appunto a sabato: verso le 03.30, due Volanti della Questura, con l’ausilio di altri equipaggi delle forze dell’ordine, ricevute numerose segnalazioni telefoniche, sono immediatamente intervenute nei pressi dell’accesso del circolo privato, allontanando, non senza difficoltà, le numerose persone presenti, molte delle quali alterate dall’abuso di sostanze alcoliche. Gli agenti hanno dunque rintracciato un cittadino straniero ferito e sanguinante al volto, al quale sono state prestate le prime cure dai sanitari.

Polizia Vercelli
“L’aggressione – dichiara Di Domenico – sarebbe avvenuta attraverso l’utilizzo di una mazza da baseball ma anche con un coccio di bottiglia con cui l’uomo è stato ferito al volto. Questa persona attualmente ha una prognosi di 15 giorni”.  Al momento sono stati individuati tre italiani che si sarebbero resi protagonisti dell’aggressione e che sono sottoposti ad accertamenti da parte della Squadra mobile. Non solo: “Stiamo valutando - aggiunge il questore - l’applicazione del daspo, ovvero il divieto di frequentare determinati locali per cercare di riportare po’ alla calma”.
“L’attuale provvedimento di sospensione della licenza – spiegano dalla Questura - è destinato anche a prevenire il ripetersi a breve di comportamenti illeciti come quelli accaduti, segue quello emesso il 5 marzo, sempre dal questore di Vercelli, della durata di cinque giorni, quando il locale era stato individuato come un abituale ritrovo di pregiudicati”.

Articolo completo sul numero de "La Sesia" in edicola venerdì 15 ottobre

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500