" />

cerca

La novità

"Ostriche e Champagne": il quarto uomo era ricercato dal 2013

Era riuscito a sottrarsi alla cattura cambiando il cognome

Questura Vercelli

Il questore Maurizio Di Domenico e il commissario Gianluca Tuccillo

Il quarto uomo della banda dell’operazione “Ostriche e Champagne”, arrestato ieri (leggi qui), domenica 11 aprile, era ricercato dal 2013. A riferirlo è la questura di Vercelli. Nello specifico il quarantadue cittadino romeno residente a Torino e pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, era da tempo ricercato sul territorio nazionale poiché colpito da un ordine di carcerazione emesso dal Giudice di Torino che lo condannava alla pena della reclusione di circa due anni per aver commesso dal 2009 al 2013 molteplici reati contro il patrimonio che vanno dal furto aggravato alla ricettazione. L’uomo era riuscito a sottrarsi per circa otto anni alla cattura in quanto dall’anno 2013, nei giorni immediatamente successivi alla condanna, aveva cambiato, probabilmente in Romania, cognome. Proprio la modifica delle generalità gli aveva consentito di eludere, per un periodo così lungo, i controlli di polizia e quindi l’esecuzione del provvedimento di cattura. Questo stratagemma è stato però scoperto dagli investigatori della Terza Sezione della squadra Mobile che, oltre all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguivano il provvedimento definitivo di cattura, portando il rumeno al carcere di Vercelli.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500