" />

cerca

A Vercelli

Vendevano intimo "Ghlain Klain": sequestrati 170 capi d'abbigliamento

Il titolare cinese denunciato per contraffazione e ricettazione

Vendevano intimo "Ghlain Klain": sequestrati 170 capi d'abbigliamento

Sono 170 i capi di abbigliamento intimo contraffatti che sono stati sequestrati dall'ufficio antifrode dell'agenzia delle dogane di Vercelli e gli agenti della polizia municipale di Vercelli all'interno di un esercizio commerciale. L'operazione ha portato alla cancellazione del brand "Ghlain Klain" dall'Euipo (Istituto europeo della proprietà intellettuale) per l'opposizione esercitata dal titolare del marchio Calvin Klein Trust International. Oltre al sequestro probatorio è scattata anche la denuncia per il titolare, di nazionalità cinese, per i reati di contraffazione e ricettazione

Contestualmente lo stesso tipo di operazione è stata conclusa anche ad Imperia dagli operatori del posto che hanno rinvenuto all'interno di sette esercizi commerciali 2.131 capi di abbigliamento intimo contraffatti dello stesso brand "Ghlain Klain". Anche in questo caso è scattata la denuncia per tutti gli imprenditori, anch'essi di origine cinese.

Le due operazioni sono partite da una segnalazione dell’ufficio antifrode delle dogane della direzione Interregionale della Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta, il quale ha consentito di avviare un’intensa attività di intelligence sul territorio del nord ovest e di individuare gli esercizi che commercializzavano i capi di abbigliamento del marchio incriminato di cui era già stata accertata la presenza sul territorio nazionale.

La contraffazione è stata infatti determinata dall’apposizione della dicitura “Ghlain Klain”, riportata con caratteristiche dimensionali ed estetiche tali da poter essere facilmente scambiata per il ben noto marchio internazionale “Calvin Klein". 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500