cerca

Questura

Novara, spaccio all'interno dell'ex Olcese: un arresto

L'operazione della polizia

Polizia di Novara

La polizia di Novara nel contesto di specifici servizi finalizzati alla repressione dei reati inerenti allo spaccio di sostanze stupefacenti e anche a seguito di numerose segnalazioni da parte della cittadinanza, in via Visconti, all’interno della struttura ex Olcese, nella giornata del 23 agosto, in seguito ad una attività di osservazione, ha tratto in arresto un cittadino pakistano di 30 anni per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

"L’indagato, dopo esser stato monitorato è stato notato effettuare vari incontri sospetti con vari soggetti che, secondo l’ipotesi investigativa, sarebbe riconducibile ad una attività di spaccio - spiegano dalla Questura - Gli operatori della Squadra Mobile quindi, hanno deciso di sottoporre a controllo il predetto indagato e quindi hanno proceduto ad una perquisizione personale. Nel controllo, è stato trovato in possesso di varie confezioni contenenti dosi di hashish, un bilancino di precisione e denaro contante".

L’indagato, secondo l’ipotesi investigativa avrebbe utilizzato come piazza di spaccio una struttura che se, pur abbandonata, presenta ancora una recinzione integra, che gli avrebbe garantito una eventuale via di fuga nel caso d’intervento delle forze dell’ordine. Infatti, una volta intervenuti gli agenti della Squadra mobile, l’indagato ha tentato di darsi alla fuga cercando di disfarsi del marsupio contenente la sostanza stupefacente. Tuttavia, una volta raggiunto, ha provato ad evitare l’arresto buttando a terra e colpendo un agente di polizia. Il tentativo di fuga comunque non ha raggiunto il suo scopo in quanto è stato comunque fermato e sottoposto al controllo di polizia. Quest’ultima condotta ha comunque prodotto l’unico effetto che l’indagato dovrà rispondere anche di resistenza e lesioni commessi nei confronti di un pubblico ufficiale.

In seguito alla perquisizione, l’autorità giudiziaria ha disposto che l’indagato fosse portato alla casa circondariale di Novara. L’Autorità Giudiziaria ha disposto la misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Novara.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500