cerca

Compartimento Piemonte e Valle d'Aosta

Gestione di rifiuti pericolosi senza autorizzazione: sequestro e denuncia

Le operazioni della polizia ferroviaria

Polizia ferroviaria polfer

Ottantadue arrestati, 782 indagati e 348.259 persone controllate: è questo il bilancio dei controlli nel mese di maggio della polizia ferroviaria; 16.116 le pattuglie impegnate nelle stazioni e 2.947 a bordo treno, 1.043 i servizi antiborseggio, 221 gli stranieri rintracciati in posizione irregolare e 143 i minori non accompagnati rintracciati dal personale della Specialità e restituiti alle famiglie o collocati in comunità.

Durante l’operazione straordinaria “Oro Rosso”, il personale del Compartimento Polizia ferroviaria per il Piemonte e Valle d’Aosta ha sequestrato un’area all’interno di una ditta di recupero metalli, compreso il relativo contenuto, in quanto il proprietario, un 51enne italiano e un suo collaboratore, un 54enne egiziano, esercitavano attività di gestione rifiuti pericolosi in assenza del titolo autorizzativo. I due uomini sono stati denunciati per ricettazione in concorso e attività di autodemolizione non autorizzata. Il titolare dell’attività è stato anche multato per irregolarità dei registri e della documentazione prevista con una sanzione di oltre 4.000 euro.

Tra le storie a lieto fine, quella avvenuta a Novara, dove gli agenti della Polfer hanno salvato un ragazzo italiano di 30 anni che si era recato in stazione con intenti suicidi. Il giovane è stato rintracciato in stato confusionale al centro del binario e, dopo un primo momento in cui sembrava essersi tranquillizzato, alla vista del treno in ingresso in stazione ha cominciato a correre verso lo stesso con l’intento di buttarsi. Solo l’intervento dei poliziotti ha evitato, in extremis, il peggio.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500