" />

cerca

Comando provinciale di Aosta

La Guardia di Finanza sequestra 23 tonnellate di pistacchi

Il carico era diretto a Bronte

Pistacchi

Parte del carico sequestrato

Nella giornata di ieri, nell’ambito del dispositivo di prevenzione e contrasto dei fenomeni illeciti nei settori della contraffazione, della sicurezza prodotti e della tutela del made in Italy, i finanzieri del Gruppo di Aosta hanno proceduto al sequestro di 33 bancali di pistacchi, per un peso complessivo 23 tonnellate.

pistacchi

La merce, intercettata in entrata Stato presso il Traforo del Monte Bianco, era partita dal Lussemburgo e diretta a Bronte, patria siciliana del rinomato Pistacchio Verde Dop. Una circostanza che ha immediatamente insospettito i finanzieri che, dopo aver esaminato la documentazione di accompagnamento del carico, hanno constatato come l’etichettatura apposta sui prodotti fosse priva dell’indicazione del Paese d’origine. Il cosiddetto “oro verde”, appositamente sigillato nel semirimorchio del mezzo controllato, è ora diretto presso la sede legale della ditta siciliana destinataria dove, in attesa dell’esito di ulteriori e necessari accertamenti, sarà temporaneamente affidato in giudiziale custodia a un rappresentante della stessa. L’ipotesi di reato è quella di vendita di prodotti industriali con segni mendaci. Nei prossimi giorni si procederà con gli approfondimenti disposti dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Aosta, finalizzati a ricostruire l’intera filiera di commercializzazione del prodotto e le eventuali responsabilità. Le attività a tutela del mercato agroalimentare mirano a proteggere i consumatori e, più in generale, il sistema Paese che vanta, a tutte le latitudini, innumerevoli marchi e prodotti di altissima qualità, regolamentati da stringenti disciplinari di produzione e messa in commercio.

pistacchi

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500